giovedì 4 maggio 2017

Marcia popolare del 6 maggio in Val Susa: l'ANPI di Grugliasco presente


Grugliasco, Giovedì 4 Maggio 2017

"L'ANPI ha lo scopo di dare aiuto e appoggio a tutti coloro che si battono, singolarmente o in associazioni, per quei valori di libertà e di democrazia che sono stati fondamento della guerra partigiana e in essa hanno trovato la loro più alta espressione", perché "l'ANPI ha lo scopo di battersi affinché i principi informatori della Guerra di Liberazione divengano elementi essenziali nella formazione delle giovani generazioni".
[Statuto Nazionale ANPI, art. 2]


Marcia popolare del 6 maggio in Val Susa:
l'ANPI di Grugliasco presente

Nell'anniversario della grande manifestazione partigiana del 6 maggio 1945 che si svolse a Torino in presenza di tutte le formazioni partigiane, salutiamo con entusiasmo la marcia popolare del 6 maggio 2017 in Val Susa, da Bussoleno a San Didero, a cui partecipiamo convintamente.

Vogliamo renderci conto del contesto reale dei fatti e confrontarci direttamente con la popolazione, le istituzioni e le Sezioni ANPI locali che da oltre 25 anni portano avanti un percorso di partecipazione e consapevolezza civile volta alla difesa dei beni comuni.

Alcuni nostri iscritti sono ben visibili sul manifesto ufficiale della manifestazione, quasi a ricordare le nostre decisioni congressuali del 16/01/2016 di concreto e determinato sostegno alla lotta popolare del Movimento NO TAV.

Condividiamo i contenuti espressi:

  • nell'appello del Movimento NO TAV: "La politica non risponde, per volontà e incapacità, a nessuna delle richieste reali che vengono da questo presente: casa, reddito, dignità dovrebbero essere fari portanti di chi siede al governo di un Paese nato dalla Resistenza, ma vediamo invece che sono altri i punti cardine che guidano chi governa e chi ci ha governati: profitto, favori alle lobby, inconfessabili interessi personali."

  • nella lettera dell'Unione Montana della Val Susa inviata ai Sindaci di tutta Italia: "crediamo sia giunto il momento di rimetterci nuovamente in marcia per la nostra Valle e non solo, perché le nostre ragioni della protesta di ieri sono immutate, anzi, oggi sono ancora più forti. Vi invito quindi con i vostri consiglieri, la fascia tricolore e il gonfalone del vostro Comune".

Ancora una volta camminiamo al fianco di cittadini, associazioni, comitati, movimenti, istituzioni che, uniti nella diversità, lottano per il diritto alla partecipazione e i contenuti espressi nella Costituzione repubblicana, contro la riduzione di ogni spazio di democrazia e contro la repressione del dissenso, per l'anteposizione dei diritti e dei beni comuni rispetto al mercato e al profitto.

Ancora una volta ribadiamo che gli investimenti pubblici devono essere realizzati con il reale coinvolgimento delle popolazioni e delle Istituzioni locali, in un confronto dialettico che percorra ed esamini tutte le possibili opzioni, nel rispetto dell’art. 41 della Costituzione che ricorda come la libera iniziativa privata non possa svolgersi “in contrasto con l’utilità sociale o in modo di recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana”.

Il Comitato di Sezione ANPI "68 Martiri" Grugliasco

lunedì 1 maggio 2017

Sparito cartello informativo a Grugliasco: vandalismo o azione neofascista?


Grugliasco, 1° maggio 2017
 

Abbiamo saputo della sparizione di un cartello informativo posizionato di recente dal Comune in piazza 66 Martiri.
 

Siamo portati a credere che si tratti del gesto di persone ignoranti, visto che i neofascisti rivendicano sempre, in diverse forme e con i propri simboli, le loro vigliacche azioni di negazione della dignità ai Caduti per la Libertà, sia Partigiani che civili. Questa volta non vi è stata rivendicazione, come invece avvenuto negli anni scorsi per l'imbrattamento del Monumento ai Caduti di viale Echirolles, per le scritte fasciste alla Casa del Popolo di via La Salle e i volantini neofascisti di Casapound e Forza Nuova di cui periodicamente noi dell'ANPI informiamo le forze dell'ordine e le istituzioni locali, dopo averli rimossi.
 

Occorre distinguere tra azioni vandaliche e azioni politiche neofasciste, bisogna sforzarsi di comprenderne cause e concause di questi gesti e la natura delle motivazioni che portano alcuni nostri concittadini a simili irrispettosi comportamenti.
 

Tutti i soggetti cittadini attivi dovrebbero agire e collaborare di più e meglio, in futuro, per arginare questa deriva culturale che affonda le sue radici sia nel revisionismo politico della storia, sia nell'equiparazione tra chi scelse la Resistenza antifascista e chi invece continuò a sostenere la guerra di sterminio razzista di Hitler e Mussolini, sia nello svilimento della Costituzione che andrebbe invece attuata per risolvere molti problemi sociali oggi esistenti.
 

Sarebbe opportuno che tutti, soprattutto istituzioni e associazioni della Resistenza, iniziassero a organizzarsi in modo organico e coordinato per una corretta trasmissione della memoria e dei valori della Resistenza affermati nella Costituzione, anche per contrastare in via preventiva il ripetersi di simili gesti oltraggiosi per la nostra storia.
 

Il Comitato di Sezione ANPI "68 Martiri" Grugliasco

giovedì 27 aprile 2017

Ancora fischia il vento + Percorso della memoria in ricordo dei 68 Martiri di Grugliasco


ANCORA FISCHIA IL VENTO!
Sui passi dei 68 Martiri di Grugliasco...


Sabato 29 APRILE 2017 h 15.00
GRUGLIASCO – Cappella San Grato (Salone AGAMUS)
Ingresso da via La Salle 4


Presentazione del libro
“Fischia il vento. Felice Cascione e il canto dei ribelli”

sulla storia della celebre canzone partigiana italiana

insieme all'autrice
Donatella Alfonso
giornalista di Repubblica


con concerto acustico di canti partigiani del gruppo
“Le Stelle Rosse”


Coordina
Fulvio Grandinetti
Vicepresidente ANPI Grugliasco


A seguire: h 17.00 Percorso della Memoria e della Pace, passeggiata sui luoghi della Resistenza di Grugliasco (partenza e ritorno in piazza 66 Martiri)animata con letture e testimonianze sulla Resistenza e la Pace

Chi sono i 68 Martiri di Grugliasco e Collegno?
I cittadini si ricordano ancora questa storia avvenuta sul loro territorio 70 anni fa?
Da dove arrivava la colonna motorizzata nazifascista che ha compiuto la strage?
Era composta solo da tedeschi o c'erano anche italiani al suo seguito?
In quali punti della città sono stati uccisi i 68 Martiri e dove sorgono i monumenti che li ricordano?
Dove sono stati tenuti prigionieri i partigiani e i civili rastrellati a Grugliasco e Collegno?
Quanti si sono salvati dalla fucilazione e come?
Ci sono stati cittadini grugliaschesi che hanno aiutato i nazifascisti a compiere la strage?
Perché è importante continuare a tramandare la storia dei 68 Martiri?

LA CITTADINANZA È INVITATA A PARTECIPARE
 

Info: anpi.grugliasco@gmail.com www.anpigrugliasco.blogspot.com

giovedì 13 aprile 2017

25 Aprile con l'ANPI a Grugliasco: corteo + pranzo popolare + concerto + YPG!



Grugliasco, Lunedì 10 Aprile 2017

25 Aprile 1945-2017
72° Festa di Liberazione Nazionale dal nazifascismo

Care compagne e cari compagni,
seppur siano trascorsi 72 anni, celebrare oggi il 25 Aprile deve voler dire dimostrare l’attualità dei Valori che la Resistenza ha voluto esprimere con la conquista della Libertà e l’affermazione dei diritti fondamentali della persona umana, cioè Pace, Giustizia, Libertà, diritto al lavoro, all’istruzione, alla salute, alla cultura.
La crisi economica unita alla crisi politico-istituzionale che si respira a livello nazionale, ma soprattutto gli aberranti e dichiarati progetti eversivi di cancellazione della sovranità popolare e di svuotamento della Costituzione, devono vedere la nostra associazione impegnata in prima linea sia nell’informazione della cittadinanza su quanto sta accadendo e sia nell'azione diretta sul territorio, partecipando alle lotte dei lavoratori, degli studenti, dei pensionati e dei disoccupati, - come recita il nostro Statuto Nazionale all'art.2 - "dare aiuto e appoggio a tutti coloro che si battono, singolarmente o in associazioni, per quei valori di libertà e di democrazia che sono stati fondamento della guerra partigiana e in essa hanno trovato la loro più alta espressione", perché "l'ANPI ha lo scopo di battersi affinché i principi informatori della Guerra di Liberazione divengano elementi essenziali nella formazione delle giovani generazioni; di concorrere alla piena attuazione, nelle leggi e nel costume, della Costituzione Italiana, frutto della Guerra di Liberazione, in assoluta fedeltà allo spirito che ne ha dettato gli articoli".
Ritroviamo, infatti, il legame diretto con la Nuova Stagione dell'ANPI: non un partito, non un movimento, ma un solido riferimento tanto ideale quanto concreto e coerente per le generazioni di antifascisti che si affacciano alla vita e al mondo; uno strumento fondamentale di formazione e lotta per conoscere la storia, praticare la Costituzione e vivere l'impegno politico come un servizio civile permanente da cui non esiste congedo.
In questo contesto, anche a Grugliasco ci avviciniamo al giorno indimenticabile del 25 Aprile, Festa di Liberazione dal nazifascismo: invitiamo quindi tutti i cittadini, in particolare i giovani e gli studenti, i simpatizzanti, i militanti dei partiti antifascisti, tutte le persone impegnate nelle parrocchie e nelle associazioni del territorio, a partecipare per realizzare la “nuova stagione antifascista” di cui necessita la società, per l’attuazione della Costituzione e per combattere, con ogni mezzo civile a disposizione, il fascismo del nuovo millennio, sotto qualsiasi forma esso tenti di affermarsi nel presente e nel futuro.
La Resistenza non va solo commemorata, va vissuta e portata avanti con passione e determinazione! Compagne e compagni, l’Antifascismo è un dovere quotidiano di tutti noi, perché tutti noi abbiamo diritto a vivere in Pace e in Democrazia!
I giovani devono vivere e non morire per gli interessi di pochi: per questo abbiamo il dovere sia di ricordare i nostri Caduti per la Libertà e sia di partecipare alla Nuova Stagione dell’A.N.P.I. per costruire una società più equa e giusta, vigilando costantemente attraverso la nostra militanza antifascista sul territorio.
Facciamo in modo che il sacrificio di coloro che hanno chiuso gli occhi per sempre aprano quelli delle nuove generazioni, per garantire la pace in un’Italia libera, giusta e democratica.
L’ANPI deve essere sempre attiva e presente nell’attività politica e culturale della nostra città: pertanto Ti preghiamo di essere presente a tutte le iniziative programmate per la Festa di Liberazione dal nazifascismo e per le commemorazioni dei 68 Martiri di Grugliasco.
In attesa di incontrarti, ti inviamo fraterni saluti.

Viva la Costituzione, Viva i Partigiani: ORA E SEMPRE RESISTENZA!

per il Comitato di Sezione ANPI “68 Martiri” Grugliasco
il Presidente Antonio Falbo
il Vicepresidente vicario Fulvio Grandinetti


PROGRAMMA Martedì 25 APRILE 2017
Festa di Liberazione Nazionale a Grugliasco

Ore 9.30-10.00
Piazza 66 Martiri – CORTEO ANTIFASCISTA
Ritrovo in piazza e partenza del corteo per le vie cittadine: siamo tutti invitati a sfilare con bandiere e foulard A.N.P.I. insieme allo striscione della nostra Sezione

Ore 10.15 Cimitero di Grugliasco – ONORE AI CADUTI PER LA LIBERTÀ
Posa corone alle lapidi dei Caduti per la Libertà

Ore 11.00 Parco della Resistenza e della Pace, viale Echirolles angolo via Lupo
Deposizione corona in onore ai Caduti per la Libertà
Concerto del gruppo musicale “I Grifoni
Intervento di Roberto Montà, Sindaco di Grugliasco
Intervento di Renzo Sulli, Sindaco di Echirolles, città antifascista francese gemellata a Grugliasco
Intervento di Antonio Falbo, Partigiano, Presidente della Sezione A.N.P.I. “68 Martiri” di Grugliasco
Intervento di Stefano Mattone, esponente Sezione A.N.P.I. “68 Martiri” di Grugliasco
Coordina Giuseppe Rizzo, Presidente della Consulta Antifascista comunale di Grugliasco

Ore 13.00 Parco della Resistenza e della Pace, di fronte al Monumento – FESTA PARTIGIANA
Pranzo popolare in onore delle Partigiane e dei Partigiani (prezzo fisso 12,00 €, obbligatoria prenotazione ai numeri Fulvio 349/8880282 – Liliana 347-4522817).
A seguire, dalle 14.30, festa partigiana con:
- animazione per bambini a cura di Nino Style, musica, banchetti informativi, letture sulla Resistenza
- concerto di musica resistente con i gruppi Grifoni e Mirafiori Kidz
- incontro pubblico con Davide Grasso, volontario italiano che per 6 mesi ha combattuto insieme ai kurdi nelle unità di protezione del popolo YPG contro l'ISIS
NB: In caso di maltempo il pranzo e la festa saranno svolti al centro civico “Nello Farina” di via San Rocco 20.

venerdì 10 marzo 2017

Solidarietà alla Sezione ANPI Valle Elvo e Serra, alla regista Samantha Comizzoli e al Prof. Diego Siragusa



Grugliasco, Giovedì 9 Marzo 2017

"L'attuale governo di Israele è un governo ultra-reazionario, razzista, ideologicamente orientato a negare ai palestinesi dignità e identità. Il mondo si è reso conto che nel cuore di Israele sono germinati dei fascisti, carichi di odio e violenza: il governo ha dato a fascisti e nazionalisti religiosi la legittimità di crescere dentro Israele. La prima cosa da fare è che Israele ponga fine all'occupazione e alla guerra. È una mentalità colonialista, la prima responsabilità del colonialismo è non riconoscere pari dignità a un altro".
[Moni Ovadia, ebreo antifascista]

L'ANPI contrasta ogni nazionalismo e sostiene ogni popolo oppresso:
solidarietà alla Sezione ANPI Valle Elvo e Serra,
alla regista Samantha Comizzoli e al Prof. Diego Siragusa

In questi anni abbiamo organizzato innumerevoli iniziative per sostenere la lotta del popolo palestinese e la solidarietà internazionale, rivolta in particolare alla popolazione di Gaza: quale simbolo di fratellanza e di comunanza di lotte, la bandiera palestinese ci accompagna nelle nostre iniziative e in particolare sfila al nostro fianco il 25 Aprile di ogni anno.

La nostra più grande difficoltà è stata, col tempo, quella di far conoscere la realtà dell'occupazione israeliana e i soprusi che ogni giorno vivono i palestinesi, spiegando la differenza tra antisemitismo e antisionismo.

Riteniamo inaccettabile l'equiparazione tra antisionismo e antisemitismo: come antifascisti, abbiamo il dovere di sostenere che il sionismo (cioè il nazionalismo ebraico, cosa diversa dalla religione ebraica) è in aperta antitesi con l'antifascismo e come ogni forma di nazionalismo va respinto.

Non ci stancheremo mai di ricordare che la bandiera di Israele non è la bandiera degli Ebrei, né della religione ebraica: è solo la bandiera di uno Stato oggi oppressore e negatore dei principi della nostra Costituzione.
Rete Ebrei contro l'Occupazione, 25 aprile 2015

Lo Stato israeliano viola costantemente, da decenni, le risoluzioni ONU, commettendo palesi ed evidenti atti di imperialismo militare, politico ed economico ai danni del popolo palestinese.

Che senso ha “difendere” il sionismo nella situazione attuale, dove con evidente disparità di mezzi e capacità di offesa, uno Stato limita le libertà collettive ed individuali di un intero popolo, in spregio ai più elementari principi del diritto internazionale?

Noi siamo appassionatamente antifascisti, in un’ottica internazionale e internazionalista: contestiamo il sionismo ed i suoi brutali effetti, che hanno portato alla segregazione e/o all’esilio dell’intera popolazione palestinese.

Si ponga immediatamente fine alla guerra, all'occupazione e allo sterminio attualmente in corso in Palestina, si rispettino le risoluzioni ONU e i diritti umani universali definiti inviolabili al termine della Seconda Guerra Mondiale proprio per i devastanti effetti che il nazionalismo e l'imperialismo hanno provocato.

Se il titolo di un film (“Israele, il cancro”) può essere ritenuto inopportuno, o anche sbagliato, ci auguriamo che ciò non venga usato come pretesto per ignorare, ancora una volta, la vesra sostanza della questione, e cioè la differenza oggettiva che esiste tra aggressori e aggrediti, tra oppressori e oppressi, tra occupanti e occupati, tra sfruttatori e sfruttati, tra chi pratica ingiuste privazioni di libertà e chi lotta per conquistarla: Israele sta dalla parte dei primi, noi stiamo dalla parte dei secondi.

Respingiamo con vigore le accuse di antisemitismo, chiaramente diffamatorie, verso il prof. Siragusa, più volte ospite sui nostri territori, persona di grande correttezza e di altissimo profilo morale: l'Italia avrebbe bisogno di più intellettuali antifascisti come lui.
Inviamo la più calorosa solidarietà al Prof. Siragusa, alla regista Samantha Comizzoli e alle compagne e i compagni della Sezione ANPI Valle Elvo e Serra.

Come già avanzato in passato, inascoltati, ci auguriamo che trovi presto nell’ANPI un dibattito non retorico e corretto sulla situazione di conflitto in Israele e nei Territori Palestinesi, nella piena consapevolezza che i sionisti di oggi al comando d'Israele, che praticano quotidianamente crimini contro l'umanità, non sono gli ebrei perseguitati di ieri, e che sia giunto il tempo di prenderne atto pubblicamente, magari con l'ausilio di organizzazioni come l'ARCI, convenzionata con l'ANPI a livello nazionale, che organizza da anni progetti internazionali in Palestina coinvolgendo centinaia di giovani.

Nel perenne ricordo del positivo esempio dell'esperienza praticata e vissuta dal compagno Vittorio "Vik" Arrigoni, da antifascisti diciamo NO al sionismo e invitiamo a riflettere attentamente su quanto accade oggi: "Lasciate i carnefici, scendete dal carro armato e venite ad abbracciare le vittime. Vi aspettiamo a braccia aperte. Restiamo umani."
[Vittorio "Vik" Arrigoni]

Palestina libera subito.
Restiamo umani.

Il Comitato di Sezione ANPI "68 Martiri" Grugliasco

lunedì 6 marzo 2017

Proiezione film "Bandite": Donne, Resistenza, Diritti



GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA 2017

GIOVEDÌ 9 MARZO 2017 h 21.00
 

GRUGLIASCO – Sede ANPI secondo piano
Ingresso da via La Salle 4


Proiezione del film BANDITE
Partigiane di ieri e di oggi si confrontano su memoria, diritti e attualità della parità di genere.

La Sezione ANPI “68 Martiri” di Grugliasco organizza la serata con proiezione del film

BANDITE
PARTIGIANE dell'UGUAGLIANZA:
STORIE DI DONNE, RESISTENZA e DIRITTI

con il patrocinio della Città di Grugliasco

in collaborazione con Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza

Saluti istituzionali della Presidente del Consiglio Comunale
Florinda Maisto


Presentazione del promo del film
“LA PAURA E IL CORAGGIO. DONNE E RESISTENZA”
a cura di del Direttore dell'ANCR Paola Olivetti


INIZIATIVA SVOLTA NELL'AMBITO DELLA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA

giovedì 23 febbraio 2017

Comunicato ANPI Grugliasco sulle elezioni comunali 2017: TUTTI A VOTARE!



Grugliasco, Mercoledì 22 Febbraio 2017



La Sezione ANPI "68 Martiri" Grugliasco sulle elezioni comunali 2017


La Sezione A.N.P.I. “68 Martiri” di Grugliasco invita tutta la cittadinanza a
partecipare massicciamente al voto delle elezioni comunali di Grugliasco previsto per la primavera 2017, secondo lo spirito dell'art. 48 della Costituzione che afferma: "Sono elettori tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore età. Il voto è personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico [...]".

La Sezione A.N.P.I. "68 Martiri" di Grugliasco invita tutta la cittadinanza a
esprimere preferenza di voto alle forze politiche antifasciste che si impegnano di fatto a rispettare e promuovere i valori dell'A.N.P.I. affermati con la Guerra di Liberazione, la memoria della strage nazifascista dei 68 Martiri di Grugliasco, l’attuazione della Costituzione nata dalla Resistenza;

La Sezione A.N.P.I. "68 Martiri" di Grugliasco invita inoltre tutti i propri iscritti che hanno scelto di candidarsi in liste e coalizioni diverse e/o tra loro concorrenti, a non strumentalizzare l'Associazione per fini elettorali, nel rispetto dello spirito unitario caratterizzante le forze politiche che guidarono la Resistenza contro i nazifascisti e ispirarono la Costituzione repubblicana.

Ora e sempre Resistenza!



Il Comitato di Sezione A.N.P.I. "68 Martiri" Grugliasco

martedì 7 febbraio 2017

Giorno del ricordo, foibe e revisionismo: incontro pubblico a Grugliasco lunedì 13/02 h 21



FASCISMO, GUERRA DI STERMINIO, FOIBE
Incontro pubblico sul tema “giorno del ricordo, revisionismo storico e neofascismo”


LUNEDI' 13 FEBBRAIO 2017 h 20.45
GRUGLIASCO
sala consiliare “Sandro Pertini”, piazza Matteotti 50



Evento facebook

Ne discutiamo con:

Dott. ERIC GOBETTI
storico, autore del film “Partizani” e di numerose pubblicazioni sulla Resistenza italiana in Jugoslavia

Prof. ANGELO D'ORSI
storico, docente ordinario del dipartimento di studi storici dell'Università di Torino e direttore di Historia Magistra

Con il saluto della Presidenza del Consiglio Comunale di Grugliasco

Iniziativa svolta nell'ambito del 70° anniversario del Trattato di Pace di Parigi (10 febbraio 1947-2017) e con il patrocinio della Città di Grugliasco e della Città metropolitana di Torino e in collaborazione con l'ARCI Valle Susa

venerdì 20 gennaio 2017

Giornata della memoria con l'ANPI di Grugliasco: proiezione film "Vento di Primavera"



GIORNATA DELLA MEMORIA
27 GENNAIO 1945-2017
Anniversario della Liberazione del campo di sterminio nazista di Auschwitz da parte dell'Armata Rossa dell'Unione Sovietica

GIOVEDÌ 26 GENNAIO 2017 h 21.00
GRUGLIASCO – Sede ANPI secondo piano
Ingresso da via La Salle 4

Proiezione del film VENTO DI PRIMAVERA


Ricordiamo il nostro passato e le responsabilità del fascisti di ogni Paese (in Francia come in Italia) nella deportazione razziale e politica attuata in Europa dai nazisti del Terzo Reich: 12 milioni di deportati, 11 milioni di morti. Proponiamo un episodio della nostra storia europea, quello del rastrellamento e concentramento degli ebrei francesi al velodromo di Parigi (15 luglio 1942), per ragionare sul presente: dal ritorno del nazionalismo, la discriminazione delle minoranze, il razzismo di massa veicolato dai media, la repressione del dissenso, gli attuali governi neofascisti di Ungheria e Ucraina, la politica e i diritti subordinati all'economia e alla finanza, il revisionismo storico e la riabilitazione del fascismo. L'Europa ha imparato a difendersi dal fascismo e dal razzismo? Noi italiani ed europei abbiamo fatto i conti con la nostra storia? Oltre la vuota retorica e la sterile ritualità celebrativa, la Resistenza vive ed è in cammino verso il futuro.

LA CITTADINANZA È INVITATA A PARTECIPARE

domenica 8 gennaio 2017

Assemblea-Festa di inizio anno ANPI Grugliasco: domenica 15 gennaio 2017 h 9.30


Grugliasco, Venerdì 6 Gennaio 2017

Convocazione Assemblea di Sezione ANPI "68 Martiri" Grugliasco
Per la Costituzione e la Pace 1947-2017:
l'ANPI tra presente e futuro
Domenica 15 gennaio 2017 h 9.30-12.30
Grugliasco, via La Salle 4 - sede ANPI 2° piano

Care compagne e cari compagni,

Siamo ormai entrati nel pieno del 70° anniversario del varo della Costituzione repubblicana e nel 70° anniversario del Trattato di Parigi del 1947 che sancì la Pace tra l'Italia e le forze alleate alla fine della Seconda Guerra Mondiale.
Quella di oggi non è l’Italia che noi volevamo ma malgrado questa grande delusione, noi Partigiani sentiamo il dovere nei confronti di tutti i Caduti per la Libertà – e ancora di più verso le nuove generazioni – di inviare un monito alla cittadinanza, in particolare ai giovani e a tutti coloro che ricoprono ruoli di responsabilità nel tessuto sociale cittadino.
Per legge fisiologica, gli artefici della Liberazione di 70 anni fa vanno scomparendo, ma l’ANPI deve continuare a vivere come punto di riferimento per tutti gli antifascisti che a partire dalla memoria scelgono di impegnarsi per attuare la Costituzione nei rispettivi ambiti di competenza.

Nella nostra Sezione, la Nuova Stagione dell’ANPI, avviata a livello nazionale nel 2006, è ormai consolidata e proiettata nel futuro. Sono molte le iniziative messe in campo a Grugliasco sulla memoria, l'antifascismo, i diritti, la pace, la giustizia, la Costituzione: iniziative realizzate grazie alla partecipazione e alla formazione permanente dei nostri iscritti, tra cui molti giovani che hanno risposto al richiamo dei Partigiani.
In particolare ricordiamo il grande contributo della Sezione al Comitato in difesa della Costituzione per il NO che ha contribuito validamente a conquistare la vittoria del NO al referendum del 4 dicembre 2016, una data storica.

Invitiamo a partecipare numerosi all'Assemblea di Sezione del 15 gennaio 2017, per ritrovarci insieme rilanciando il nostro impegno cittadino a partire dal tema del 70° anniversario della Costituzione e della Pace.
Quale presente e quale futuro per la nostra Associazione nel contesto attuale? Approfondiremo il tema dell'antifascismo e della democrazia a 70 anni dalla Costituzione, anche alla luce della crisi sociale ed economica, della svolta autoritaria arginata con la grande vittoria del NO al referendum del 4 dicembre, dei pericoli di una nuova grande guerra mondiale, dei temi di interesse popolare come i diritti dei lavoratori, la scuola pubblica, la salute, la cultura, le pensioni, l'ambiente e la partecipazione.

Come da tradizione, seguiranno buffet e brindisi per scambiare gli auguri d'inizio anno.

Facciamo tutti insieme un’azione di proselitismo presso compagni, amici e conoscenti per stimolare la partecipazione di più cittadini alle iniziative e alle campagne dell'ANPI.
Invitiamo calorosamente a partecipare alle celebrazioni in ricordo dei Caduti per la Libertà, a rinnovare sollecitamente la Tessera ANPI 2017 e a partecipare alle iniziative della Sezione.
Aderiamo all’A.N.P.I. - Associazione Nazionale Partigiani d’Italia!
Auguriamo a Voi e a tutti i Vostri cari buone feste e un felice anno nuovo.
Fraterni saluti

ORA E SEMPRE RESISTENZA!

il Comitato di Sezione A.N.P.I. “68 Martiri” Grugliasco
il Presidente Cav. Antonio Falbo il Vicepresidente vicario Fulvio Grandinetti

mercoledì 23 novembre 2016

In cammi-NO per la Costituzione: passeggiata cittadina a Grugliasco sabato 26/11 h 14.30



Verso il 4 dicembre: l'ANPI vota NO!

Il Comitato grugliaschese per il No a modifiche costituzionali e Italicum
, di cui la Sezione ANPI "68 Martiri" di Grugliasco è promotrice, organizza una passeggiata cittadina per dire NO alla riforma della Costituzione, in modo visibile, colorato e allegro!
Camminiamo per le vie della nostra città, uniti e diversi, dall'università al centro storico, a difesa della Costituzione nata dalla Resistenza antifascista!
In Cammi-NO per la Costituzione passeggiata cittadina
per dire NO allo stravolgimento della Costituzione


Grugliasco (TO) sabato 26 novembre 2016
ritrovo h 14.30 largo Braccini,
ingresso Università di Agraria e veterinaria


a fine percorso interventi
animazione per bambini e caldarroste per tutti


Partecipiamo numerosi e diffondiamo: abbiamo bisogno di tutto il nostro entusiasmo!
Alleghiamo anche l'articolo di Davide Lessi su la Stampa, pagina 7 del 22/11/16, che rappresenta bene la natura popolare, intergenerazionale e antifascista della nostra campagna per il NO.
E il 4 dicembre votiamo NO!!!

Il Comitato di Sezione ANPI "68 Martiri" di Grugliasco


Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati.
Dovunque è morto un Italiano per riscattare la libertà e la dignità della nazione, andate là, o giovani, col pensiero, perché là è nata la nostra costituzione.

[Piero Calamandrei, Discorso ai giovani sulla Costituzione nata dalla Resistenza. Milano, 26 gennaio 1955]

martedì 22 novembre 2016

Articolo sul Comitato grugliaschese per il NO - La Stampa nazionale martedì 22/11



Comitato grugliaschese per il NO alle modifiche costituzionali e Italicum

Grugliasco su La Stampa nazionale di oggi martedì 22/11/2016 pagina 7: intervista sul campo ai nostri volontari del Comitato del NO al gazebo di sabato in viale Echirolles. Tre generazioni a confronto, unite nella difesa della Costituzione: Fabrizio, 28 anni, nipote di partigiani e deportati nei lager nazisti, direttivo ANPI; Tamara, 40 anni, mamma di 2 bambini, simpatizzante ANPI; Nello, 62 anni, figlio del partigiano Missio, direttivo ANPI. Rappresentano l'impegno dell'Italia che fa vivere la Costituzione, attraverso le lotte sociali per i diritti, contro la privatizzazione dei servizi pubblici essenziali e la mercificazione dei beni comuni. Persone diverse, per età, percorsi ed esperienze, unite oggi nello spirito che fu della Resistenza antifascista e che continua ancora oggi. Voce anche al Sindaco di Grugliasco e al delegato FIOM-CGIL Giacomo Zulianello (iscritto ANPI anche lui!). La memoria non è passato. La Resistenza è viva ed è in cammino verso il futuro!
 
La Stampa, martedì 22/11/2016 pagina 7
La bancarella per il No nella Stalingrado torinese
“Gli esclusi sono con noi”
Tra gli attivisti: “La Costituzione funziona, va applicata”

di Davide Lessi

«Se votasse questo mercato sarebbe un plebiscito per noi». Tra le luci al neon che già lampeggiano per Natale e il Dash in offerta, il comitato del No prova a sbilanciarsi su cosa succederà il 4 dicembre. Benvenuti a Grugliasco, prima cintura di Torino, la «Stalingrado dell’Ovest»: città di 40 mila anime che, fatta eccezione per la parentesi di Tangentopoli, ha sempre votato liste di sinistra e centro-sinistra. Sempre, praticamente dal 1946, dal primo referendum per la Repubblica. Questa, però, è un’altra storia.
«Stamattina tra le bancarelle di viale Echirolles è passata anche l’ex governatrice Mercedes Bresso per sostenere le ragioni del Sì», racconta Fabrizio Grandinetti. E chiosa: «Un’accoglienza morbida». Lui ha 28 anni, lavora come tutor dell’apprendimento a Torino, ma quelli del No, l’hanno già ribattezzato «il professore». Distribuisce volantini, spiega le ragioni per votare contro. E quando ha un dubbio chiama al telefono una docente di diritto costituzionale. «È da aprile che abbiamo allestito il banchetto. Ogni sabato ci ritroviamo qui, siamo una ventina di persone», spiega.
Volontari, gente con storie e provenienze diverse, riunite intorno a un gazebo. A Grugliasco come negli oltre 700 comitati registrati in Italia. «Vota no, salviamo la Costituzione», urla il pensionato Nello, 62enne con la tessera Anpi mentre distribuisce i depliant a pochi passi da Parco della Resistenza. Poi si ferma un attimo, racconta del padre partigiano e di come si è riavvicinato alla politica attiva. «Io abito a piazza Massaua, ma quando ho visto questi giovani che sacrificavano il loro tempo libero per un’ideale non ho potuto che unirmi». E aggiunge: «Il bello è che non stanno solo su Facebook ma sono qui tra la gente, a spiegare perché questa riforma snatura lo spirito costituente. La nostra Carta è bella, andrebbe solo applicata».
C’è chi, come Fabrizio, ha iniziato nel 2011 con la battaglia referendaria dell’acqua pubblica. Altri, come Tamara, 40enne impiegata e madre di due bambini, ha sperimentato da poco l’importanza della partecipazione. «L’anno scorso, a Grugliasco, volevano privatizzare l’asilo comunale ma unendo le forze con un gruppo di genitori siamo riusciti a bloccarli». Passa un uomo con il giubbotto delle Olimpiadi invernali di Torino, quelle del 2006: non prende il depliant. «Io voto Sì», ribatte. Gli chiedono perché. «Questione d’intelligenza», risponde senza dire altro.
Si va avanti, così: a slogan. Vanificando tante volte il lavoro dei volontari che vorrebbero entrare nel merito. La sensazione è che la gente sia stanca, oberata di informazioni. Anche chi accetta il volantino non lo fa per confrontarsi, ma per appartenenza: «Sono con voi, voterò No», dicono. Per un’analisi più argomentata aiuta bussare alle porte del Municipio. «Anche Grugliasco è spaccata», ammette il sindaco di centrosinistra Roberto Montà. E spiega: «C’è un sentimento di frustrazione che viene intercettato dalla campagna referendaria. Penso alle fasce fragili, ai giovani, ai lavoratori dell’edilizia e agli operai metalmeccanici che hanno sofferto tanto questa crisi». Tra questi Giacomo Zulianello, 50enne, che dopo sette anni di cassa integrazione a zero ore alla Bertone ha trovato un po’ di respiro con l’arrivo della Maserati. «Ma non basta - dice il rappresentante sindacale della Fiom - farò campagna per il No». Tira un vento contro anche qui, nell’ex Stalingrado dell’Ovest.

martedì 8 novembre 2016

Con l'ANPI di Grugliasco allo spettacolo "Piccola società disoccupata": sabato 12/11 tutti a teatro!




Invitiamo a partecipare e diffondere allo spettacolo della stagione di Viartisti 2016/2017:

"Piccola società disoccupata"
di Beppe Rosso
sabato 12 novembre 2016 dalle h 21.00
Chalet Allemand del Parco culturale Le Serre
Grugliasco, via Tiziano Lanza 31

http://www.viartisti.it/biglietteria.html

http://www.viartisti.it/piccola-societa-disoccupata.html


"Piccola Società Disoccupata" è il secondo spettacolo di Beppe Rosso sul mondo del lavoro contemporaneo. Questa volta è il conflitto generazionale ad essere al centro dell’allestimento, quel disagio che intercorre tra giovani e anziani nel affrontare l’attuale trasformazione dell'uomo in rapporto al lavoro.
Tre attori di diversa generazione formano una “piccola società disoccupata” interpretando vari ruoli in un gioco cinico ed esilarante; sono personaggi che si dibattono in una lotta senza esclusione di colpi per conservare o trovare lavoro, una lotta del tutti contro tutti, in cui non mancano slanci d’amore, ingenuità e momenti di grande illusione. E’ un mondo dove è evidente la fragilità individuale che di volta in volta si trasforma in astuzia o in follia solitaria. Astuzia e follia che sono anche strategie di sopravvivenza in una commedia contemporanea dove ogni scena apparentemente reale attraverso lo humour e il paradosso viene portata ad estreme conseguenze tragicomiche.
Il testo di Remi De Vos propone un calembour di situazioni che toccano quasi tutti i ruoli che attualmente offre il mercato del lavoro: il precario, il disoccupato, il freelance, l’occupato a tempo indeterminato o l’occupato in via di licenziamento. Più situazioni legate da un filo rosso che nell’insieme ricostruiscono la “commedia” del mondo del lavoro in questa società postindustriale. Rémi De Vos, autore francese, tra i maggiori degli ultimi decenni, acclamato da pubblico e critica in patria, ma ancor pressoché sconosciuto in Italia, ci fa entrare nel dramma con un linguaggio imprevedibile ed incalzante che scarta qualsiasi deriva retorica e rivela l’assurdo “indecifrabile” che stiamo attraversando.

Comunicato
Grugliasco, 8 novembre 2016
L'ANPI Grugliasco con Viartisti allo spettacolo "Piccola società dosoccupata":
tutti a teatro!

La Sezione ANPI "68 Martiri" di Grugliasco aderisce e partecipa allo spettacolo "Piccola società disoccupata" di Beppe Rosso, previsto per sabato 12 novembre 2016 allo Chalet Allemand del Parco culturale Le Serre di via Tiziano Lanza 31 a Grugliasco:
- per dare continuità alla collaborazione con Viartisti Teatro d'impegno civile / Gruppo Camaleonte, che negli anni ha visto la partecipazione di diversi giovani iscritti ANPI quali corsisti e attori nei numerosi spettacoli, in particolare lo spettacolo "30 aprile 1945: una storia recente" in scena il 30 aprile 2012 in occasione della commemorazione ufficiale della strage nazifascista dei 68 Martiri di Grugliasco e Collegno;

- per sostenere concretamente la cultura, nel solco del principio dell'art.9 della Costituzione repubblicana che afferma: "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione";

- per trattare il tema del lavoro, quale fondamento della Repubblica e diritto/dovere di ogni cittadino, anche con modalità artistiche e creative, focalizzando l'attenzione sull'attuale stato del lavoro in Italia che si riflette sulla vita delle diverse generazioni (precarietà, instabilità, fragilità, debolezza e frantumazione sociale), oltre la retorica e i luoghi comuni;


- in solidarietà con Viartisti per il disagio, permanente ancora oggi, dato dall'inagibilità del Piccolo Teatro Perempruner di piazza Matteotti, che Viartisti ha validamente contribuito a rendere nel corso dei decenni uno dei gioielli della città, facendo conoscere Grugliasco quale città della cultura nel resto d'Italia e anche all'estero, auspicando che possa presto tornare disponibile e aperto alla cittadinanza come Viartisti ha sempre curato in ogni singola attività.

Il Comitato di Sezione ANPI "68 Martiri" Grugliasco

Chiediamo a iscritti e simpatizzanti di segnalarci la partecipazione per segnalare a Viartisti il numero di posti preciso da riservare all'ANPI.

Ricordiamo che il biglietto intero costa 10,00 € e che la biglietteria sarà aperta mezz'ora prima dello spettacolo.

Durante la serata l'ANPI svolgerà un volantinaggio sui temi del lavoro e della Costituzione.

Partecipiamo numerosi!

Fraterni saluti
Il Comitato di Sezione ANPI "68 Martiri" Grugliasco

giovedì 3 novembre 2016

Articolo 11: Grugliasco ripudia la guerra - sabato 5/11 h 20.30



La Sezione ANPI “68 Martiri” di Grugliasco organizza la serata

ARTICOLO 11: 
GRUGLIASCO RIPUDIA LA GUERRA

SABATO 5 NOVEMBRE 2016 h 20.30
GRUGLIASCO – Centro Civico Nello Farina - Sala Unitre
Ingresso da via San Rocco 24


con il patrocinio della Città di Grugliasco
e in collaborazione con Viartisti/Gruppo Camaleonte

Programma:

Saluti istituzionali
della Presidenza del Consiglio Comunale
e del Sindaco della Città di Grugliasco

Letture contro la guerra
drammatizzate da Viartisti/Gruppo Camaleonte

Proiezione del film di Francesco Rosi
UOMINI CONTRO

LA CITTADINANZA È INVITATA A PARTECIPARE

INIZIANTIVA SVOLTA NELL'AMBITO DELLA RICORRENZA DELLA FINE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE 4 NOVEMBRE 1918-2016

giovedì 13 ottobre 2016

Il Partigiano grugliaschese Fedele Varallo è partito per l'Ultimo Viaggio



Grugliasco, 13 ottobre 2016

Il Partigiano grugliaschese Fedele Varallo è partito per l'Ultimo Viaggio

Comunichiamo la triste notizia della morte di Fedele Varallo, classe 1922, Partigiano Combattente della 19° Brigata d'Assalto Garibaldi (zona di operazione Valli di Lanzo-Col del Lys), nome di battaglia Spaccamontagna, fedele di nome e di fatto sia ai valori della Guerra di Liberazione dal nazifascismo e sia agli ideali del comunismo quale unità internazionalista di tutti i lavoratori contro lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo.

Di profonda onestà, il suo carattere era umile e il temperamento sanguigno: non ha mai né accettato né tollerato le offese contro i partigiani, la Resistenza e l'ANPI, ha sempre disprezzato il revisionismo storico e i suoi artefici, ha sempre lottato contro i fascisti e i padroni che li hanno finanziati, armati e sostenuti.

L'alto profilo morale di cui era portatore lo rendeva stimato e benvoluto non solo dai compagni di partito, ma anche da chi non la pensava come lui.


Si è sempre battuto nell'ANPI e nel Partito Comunista per l'attuazione dei principi costituzionali e la rivendicazione dei diritti dei lavoratori, per una società di uomini liberi ed eguali.


Spaccamontagna è stato un gran lavoratore, uno degli artigiani metalmeccanici ad altissima professionalità, tra i migliori dell'intero territorio provinciale, famoso per i suoi pezzi particolari richiesti anche fuori dal Piemonte, lavorati nella sua officina adiacente alla Casa del Popolo di Grugliasco "Antonio Gramsci" di via La Salle, di fronte alla sede ANPI.


Diversi compagni affermano ancora oggi che con i suoi pezzi, lavorati ad altissima precisione anche al millesimo di millimetro, Fedele Varallo "affilasse i baffi e la barba alle mosche".


Trasferitosi da Grugliasco a San Secondo di Pinerolo per motivi familiari, aveva perso la moglie mantenendo sempre i collegamenti con i compagni di Grugliasco, partecipando a diverse iniziative come la consegna degli attestati al Teatro Regio di Torino a tutti i Partigiani viventi e alla commemorazione del Col del Lys, luogo in cui i suoi racconti sulle postazioni partigiane locali e le azioni di guerriglia contro i nazifascisti sono diventate anno dopo anno conosciute anche dai più giovani.

Nel 70° anniversario della Liberazione, 25 Aprile 1945-2015, il Sindaco di Grugliasco Roberto Montà, il Presidente della Consulta Antifascista Giuseppe Rizzo e il Presidente dell'ANPI di Grugliasco, il Partigiano Antonio Falbo, hanno consegnato ai Partigiani e ai Patrioti viventi, tra cui Spaccamontagna, un attestato che sottolineava "il coraggio e la preziosa opera svolta nella Lotta di Liberazione dal nazifascismo 1943-1945".
Salutiamo un Partigiano, un Compagno, un uomo libero che ha sempre scelto di stare dalla parte della giustizia sociale e dell'uguaglianza, contro ogni tentativo di ritorno ad un passato autoritario già condannato dalla Storia.

La cerimonia di saluto si terrà sabato 15 ottobre nella Chiesa di San Secondo di Pinerolo alle h 15.00.

La bandiera dell'ANPI accompagnerà il Partigiano Fedele Varallo per ricordare la sua scelta di Libertà di adesione alla Resistenza antifascista e la sua militanza politica quale esempio di partecipazione democratica per il rafforzamento della Repubblica nata dalla Resistenza.

La Sezione "68 Martiri" di Grugliasco, alla quale Fedele da sempre è iscritto, abbraccia fraternamente i familiari e i compagni: a noi piace immaginare Spaccamontagna che si avvia verso l'Ultimo sentiero con gli scarponi, il suo zaino e il suo fucile in spalla, mentre i suoi luminosi occhi azzurri incontrano nuovamente lo sguardo dei Compagni Caduti già andati avanti quando lui aveva poco più di vent'anni.

Per ogni albero che cade, ne pianteremo altri mille: la Resistenza continua!

Buon viaggio Fedele Varallo Spaccamontagna!

Il Comitato di Sezione ANPI "68 Martiri" Grugliasco